Corsi online

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu
Notizie dallo staff

Corsi online

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu
Notizie dallo staff

Presa rapida

Lo Stato dell’Arte: l’Università ai tempi del web

30 ottobre 2015

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu, Notizie dallo staff

Università e digitale: se n’è parlato a “Lo stato dell’Arte” su Rai 5, programma di Maurizio Ferraris con  Mauro Calise, professore ordinario di Scienza Politica all’Università Federico II e Direttore Scientifico di Federica, e Gianmaria Aljani giurista e Rettore dell’Università di Torino.

(Qui il link per rivedere della puntata).

Il ruolo dell’Università all’epoca del digitale è complesso: le sfide della Conoscenza in Rete, la validità dei titoli di studio tradizionali versus la capacità di attestare nuove competenze digitali. Le università tradizionali sono state contrapposte al sapere digitale: secondo Aljani la nuova frontiera per gli atenei sono i campus, come contenitori di eterogenee attività, che vanno oltre la didattica e che devono sviluppare capacità critiche, non escludendo quelle della Rete. Secondo il prof. Calise, l’Università tradizionale deve cogliere le opportunità del digitale, ribadendo che il compito di Istituzione Scientifica si rafforza e diventa necessario per orientarsi nell’overload informativo della Rete. A questo proposito, Calise ha illustrato il cammino dell’Ateneo Federiciano verso un’apertura alla Libera Conoscenza in Rete attraverso l’offerta relativa ai 40 MOOC del portale Federica.Eu, unica università pubblica italiana ad avere investito così tanto nella didattica open access nel Web.

Schermata 2015-10-30 a 13.18.16

Eppure, i 162 milioni di studenti iscritti ai MOOC nel mondo e le stime che li vedono raddoppiare nei prossimi cinque anni dovrebbero far riflettere: la richiesta di formazione certificata cresce a ritmi vorticosi e quindi –secondo Calise– occorrerebbe moltiplicare le risorse digitali di qualità, rendendole più facilmente accessibili, in modo da avere anche più spazi e risorse per la ricerca, che resta la vera mission delle Università.

 

Schermata 2015-10-30 a 13.20.29

Secondo Aljiani effettivamente le università non devono essere considerate, come avvenuto in passato dai governi, “bad company” ma circoli virtuosi: Calise conclude affermando l’importanza del ruolo degli Atenei verso la “terza missione” e sostenendo che il digitale e le connessioni –anche reali– tra gli atenei possono essere una chiave di volta per il futuro.

E voi cosa ne pensate: come vedete gli Atenei del futuro?

Una replica a “Lo Stato dell’Arte: l’Università ai tempi del web”

  1. studenti unict ha detto:

    Le Università digitali possono essere una risorsa, a patto che non si trasformino in laureifici in cui ci si iscrive in caso di insuccesso nell’Università pubblica. Ma questo dipende solo dalla serietà dei docenti e anche, o forse soprattutto, dalla legislazione in materia. In ogni caso complimenti per il post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *