Corsi online

Turismo lento: come rendere attraenti i piccoli comuni d’Italia

25 luglio 2019

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu, Notizie dallo staff

Su Federica.EU sono aperte le prenotazioni al primo corso accademico che intercetta il nuovo trend del settore turistico nell’anno italiano del Turismo Lento, con testimonianze di esperti del settore, accademici, professionisti e rappresentanti delle Istituzioni.

Il turismo sta cambiando: la globalizzazione amplia la scelta, mettendo in concorrenza i luoghi. Il viaggiatore moderno non si muove in gruppo, costruisce il “suo viaggio”, prenota online, ama il turismo esperienziale.

Progettare itinerari, esperienze, accoglienza, accedere a tradizioni, ad enogastronomia, alla natura ed alla religiosità locali è profondamente diverso dal settore turistico tradizionale incentrato sull’alberghiero: servono nuove professionalità, uomini e donne che abbiano conoscenze, abilità e competenze complesse.

Il Centro Federica Weblearning propone il primo corso online in formato MOOC (Massive Open Online Course) tematico e multidisciplinare sul fenomeno delle vacanze di senso: “Turismo Lento: borghi, parchi e cammini d’Italia”, in linea con il Piano strategico di sviluppo del Turismo 2017-2022, pubblicato dal Ministero per i beni e le attività culturali, per promuovere nuove modalità di fruizione turistica del patrimonio del nostro Paese.

Il corso MOOC, a cura di Alessandro Cugini, Responsabile del settore Turismo religioso nella Scuola di Alta Formazione in Arte e Teologia della Facoltà Teologica di Napoli – sezione San Luigi, C.E.O. nella Rete d’imprese turistica TRECC, offre un approfondimento sulle modalità di progettazione, organizzazione e promozione turistica, di borghi, parchi e cammini d’Italia.

Il Turismo Lento rappresenta anche una grande opportunità occupazionale per il settore con lo sviluppo di nuove professionalità specializzate e dedicate a questo tipo di esperienza.

Il corso MOOC sarà un’occasione per ragionare sui possibili scenari innovativi per lo sviluppo strategico del settore e trovare risposte ad alcuni quesiti cruciali: come creare un percorso? Quali sono le risorse umane necessarie, che tipo di accoglienza prevedere? Come offrire opportunità occupazionali?

Prenota il tuo posto per il corso Turismo Lento: borghi, parchi e cammini d’Italia e progetta con noi il futuro dei piccoli Comuni d’Italia.

9 risposte a “Turismo lento: come rendere attraenti i piccoli comuni d’Italia”

  1. Lic. Pierre Millet ha detto:

    It’s fantastic program. My wife and are very happy with it.

  2. Lic. Pierre Millet ha detto:

    My wife Myrna and I appreciate so much the people and culture Of Italy. We are studying at Federica II University, courses online that we love.

    • Redazione Federica.eu Redazione Federica.eu ha detto:

      Dear Pierre! We are very happy you are finding viable contents to study on Federica. Thank you again for your lovely messagges!

  3. francesco Quattrone ha detto:

    Corso molto interessante: sarà di molto aiuto a chi, come me, già è attivo nell’educazione alla conoscenza dei borghi montani e nella tutela dell’ambiente montano.

  4. Bernardo ha detto:

    Sono argentino, cittadino italiano, avvocato e traduttore pubblico per la lingua italiana. Ex professore di Diritto Romano e Diritto Civile presso l’Università di Buenos Aires. Ex magistrato. Autore dei libri: “Manuale di Diritto Romano” e “Il Diritto Romano nel XXI Secolo, fra altri su diritto dell’informazione. In stampa: “Il diritto romano nel codice civile e commerciale argentinoi”. Mi piace tutto quello che riguarda l’Italia e l’italiano. Sono stato parecchie volte in Italia. Cordiali saluti.

  5. Beatrice Durante Mangoni ha detto:

    Vorrei organizzare un cammino di turismo religioso in Abruzzo e Molise.

    • Redazione Federica.eu Redazione Federica.eu ha detto:

      Ciao Beatrice! Ottima idea! Seguendo il corso speriamo che potrai trovare gli spunti metodologici e organizzativi per poterlo realizzare. Tienici aggiornati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *