Presa rapida

Saper motivare: una capacità importante per un buon leader

17 settembre 2019

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu, Notizie dallo staff

Lavorare in un team non è sempre facile, se poi siamo al comando di questo ancor meno. Per riuscire a raggiungere degli obiettivi, che siano essi aziendali o anche sportivi c’è bisogno di gestire al meglio la squadra e motivarla nel migliore dei modi.

Quello della motivazione, però, è un aspetto che molto spesso viene frainteso in quanto si pensa che sia sinonimo di convincere e persuadere una o più persone a fare qualcosa. La motivazione, invece, è qualcosa di insito in ognuno di noi, che ha solo bisogno di emergere.

Secondo il ricercatore Daniel Pink, “Tendiamo a pensare che la persuasione o la motivazione sia qualcosa che una persona fa a un’altra.” In realtà, Pink aggiunge che, “Ciò che la scienza sociale ci dice molto chiaramente è che è davvero qualcosa che la gente fa per se stessa”

Tempo fa vi abbiamo già fornito 5 consigli di 5 persone di successo su come diventare leader, oggi vi parleremo di come motivare al meglio il vostro team.

Ecco i nostri consigli:

  1. Poni le domande giuste: riuscire a comunicare al meglio permette a un buon leader di raggiungere ottimi risultati sotto diversi aspetti aziendali. Imporre un’azione o riprendere sul perché questa non è stata fatto non porterà grandi risultati. Aiuta i componenti del tuo team a capire perché è importante compiere quella determinata azione. Per approfondire queste tematiche ti consigliamo il corso di Negoziazione e comunicazione efficace.
  2. Fornisci dei feedback: comunica il tuo pensiero sul lavoro svolto, così da non ignorare il loro operato;
  3. Poni i giusti obiettivi: far sentire il team parte integrante di un’azienda aiuterà loro a lavorare al meglio. Condividi con loro la mission aziendale e gli obiettivi del momento, ma non solo. Punta alla crescita personale e del team tramite obiettivi personali, autonomia, consapevolezza di sé e del proprio lavoro;
  4. Parola chiave empowerment: la partecipazione dei dipendenti può portare un duplice beneficio, avere idee fresche che provengono da un nuovo punto di vista e avere collaboratori più propensi a inventare, realizzare e dare il massimo in quanto si sentiranno parte importante dell’azienda;
  5. Gestisci il tempo al meglio: un buon leader è capace di insegnare al proprio team a gestire il tempo e eliminare così la sensazione di non averne mai abbastanza. Sapere di non essere in ritardo aiuterà il tuo team ad essere più motivato nell’affrontare al meglio i diversi compiti ed eventuali problemi. Per fare questo è importante sviluppare doti di project manager.

Mettere in pratica questi 5 punti aiuterà a rafforzare la figura del leader ma, soprattutto, a raggiungere un clima di lavoro sereno, efficiente ed efficace nel raggiungimento della mission aziendale.
Siete d’accordo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *