Presa rapida

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu
Notizie dallo staff

Corsi online

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu
Notizie dallo staff

Corsi online

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu
Notizie dallo staff

Presa rapida

7 regole per scrivere una mail perfetta

10 dicembre 2019

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu, Notizie dallo staff

In un’era tecnologica come quella in cui viviamo, il contatto continuo con le aziende è un’esigenza sempre più . Che sia per una candidatura o per informazioni aziendali, il mezzo più utilizzato è la posta elettronica.

Siamo però sicuri di saperlo fare nel modo corretto?

Con regole semplici ma efficaci potrete rendere impeccabili le vostre mail.

Ecco come scrivere una perfetta e-mail di lavoro.

1. Usa un indirizzo e-mail formale

I recapiti di posta elettronica creati al liceo sono senz’altro simpatici, ma per dare l’immediata impressione di serietà è meglio usare un indirizzo adatto a un ambiente lavorativo. Nulla di troppo pomposo, basta servirsi del proprio nome e cognome, seguito, in caso di omonimia, dalla data di nascita: es. ugo.rossi@email.it.

2. L’oggetto è importante

Chi legge la vostra e-mail non ha tempo da perdere. Deve capire subito, leggendo l’oggetto, di cosa si parlerà e deve sentirsi invogliato ad aprirla. Pensate a qualcosa breve, ma d’effetto.
Es. OGGETTO: info programma evento “X”.

3. Ad ogni contesto il suo saluto

Se state scrivendo a un potenziale datore di lavoro, a un’azienda o a un professore, esordire con “Ciao” o “Caro” non è la scelta migliore. Più adatti sono, invece, “Egregio” o “Gentile” seguiti da titolo e cognome del destinatario: es. Egregio Prof. Rossi. Se non conoscete il nome, optate per un generico “All’attenzione del responsabile ufficio/settore…”.

4. Chi sei?

Se state scrivendo a una persona per la prima volta, è importante presentarsi subito. Dopo il saluto utilizzate le prima riga per presentarvi. Questo aiuterà chi riceve la riceve a orientarsi meglio nella lettura.
Es. Sono Anna Russo, responsabile del Reparto Grafica.

5. Arriva dritto al punto

Non perdete tempo in chiacchiere ed evitate giri di parole. Andate dritti al punto, parlando della questione che nell’oggetto avete già accennato, senza essere ripetitivi o ridondanti.
Es. Le scrivo per chiedere informazioni sul programma dell’evento.

6. Ringrazia sempre

Prima di salutare, è bene ringraziare il destinatario e fargli sapere se ci si aspetta una risposta. “Grazie dell’attenzione” e “In attesa di notizie, le auguro buona giornata” denotano cortesia e professionalità.

7. Ricorda i saluti

Come nei saluti iniziali, anche per quelli finali bisogna tener presente chi sarà il destinatario. “Cordiali saluti” oppure “Distinti saluti” sono il giusto compromesso. E non dimenticate di firmarvi con nome e cognome.

Pronti per la vostra prossima mail?

Corsi online

Nuovi metodi di apprendimento: la robotica educativa

3 dicembre 2019

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu, Notizie dallo staff

Studiare e applicare la robotica è essenziale non solo per imparare a progettare i robot, ma anche per abituarsi ai metodi di ragionamento e sperimentazione che derivano dalla disciplina e la rendono “educativa”.

Come già accaduto per il coding, (su Federica.EU è online il corso di Andreas Formiconi: Coding a scuola con Software Libero) anche la robotica entra, così, nelle scuole, diventando una tecnologia per l’apprendimento utile per lo sviluppo delle attitudini creative degli studenti, delle loro capacità di comunicazione, di cooperazione e di lavoro di gruppo.

La robotica educativa offre un approccio semplice e concreto alla programmazione informatica e alla meccanica dei robot, per stimolare la curiosità e l’utilizzo della logica negli studenti, che imparano a interagire con i robot, a capirne il funzionamento, tramite esperimenti interessanti e molta pratica.

Questo, oltre al fatto che i robot – per definizione – simulano il comportamento degli esseri viventi, permette allo studente di sentirsi estremamente coinvolto nello studio e di stabilire una “relazione” con l’automa progettato e costruito,

Sono diverse le fasi che scandiscono l’educazione alla robotica, una delle quali prevede la costruzione, da parte degli allievi, di un vero e proprio robot. Seguiti passo passo, dalla fase di progettazione fino alla realizzazione concreta del progetto, gli studenti acquisiscono le skills necessarie per dotare gli automi di comportamenti e abilità prefissate. Attenzione, responsabilità, collaborazione e capacità organizzativa sono necessarie per mettere a frutto le capacità dei singoli all’interno dei gruppi di lavoro, che richiedono, anche predisposizione al problem solving e all’apprendimento peer to peer, ovvero tra pari.

L’educazione alla robotica, dunque, si può definire tale quando viene messa in pratica, vissuta in prima persona, e non soltanto studiata a livello teorico.

Su Federica.EU questi argomenti vengono spiegati e approfonditi,  nei corsi Future Robots. Towards a Robotic Science of Human Beings (di Domenico Parisi) e Developmental Robotics (di Angelo Cangelosi e Matthew Schlesinger).

E per entrare nel vivo dei fondamenti della robotica sono disponibili i corsi  Robotics Foundations I – Robot Modelling e Robotics Foundations II – Robot Control (di Bruno Siciliano).

Scoprili tutti su Federica.EU!

 

Corsi online

Il primo MOOC sul Turismo Lento è online su Federica.EU

26 novembre 2019

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu, Notizie dallo staff

Su Federica Weblearning è online il primo MOOC su “Turismo Lento: borghi, parchi e cammini d’Italia“.

Il 2019 è stato il trampolino di lancio del Turismo Lento, costituito nel 2017, quando l’ex Ministro dei Beni culturali e del Turismo Dario Franceschini spiegò: “questo progetto sarà un modo per valorizzare i territori italiani meno conosciuti dal turismo internazionale e rilanciarli in chiave sostenibile favorendo esperienze di viaggio innovative: dai treni storici ad alta panoramicità, agli itinerari culturali, ai cammini, alle ciclovie, ai viaggi a cavallo”.

Nell’arco degli anni le persone hanno iniziato a scegliere viaggi e vacanze differenti, portando così alla nascita di nuovi concetti di turismo partendo dal 2016, proclamato Anno nazionale dei cammini, il 2017 l’anno dei borghi, il 2018 quello del cibo italiano.

Sono ormai moltissime le persone nel mondo scelgono di adottare nuovi stili di vita più sostenibili con la voglia di vivere un’occasione autentica e unica di incontro, di emozione e di rivelazione dei luoghi e, soprattutto, delle persone che li abitano. Ne sono testimonianza i recenti boom degli agriturismi, b&b, itinerari in natura, fra parchi e antichi cammini. La soluzione però non è sempre offerta dal luogo e molto spesso i turisti sono costretti a scelte “alternative”, spesso realizzate in autonomia online.

Lezione dopo lezione, il corso gratuito e online “Turismo lento: borghi, parchi e cammini d’Italia, a cura di Alessandro Cugini, Responsabile del settore Turismo, fornisce le risorse utili per creare un’offerta di turismo lento basata su “percorsi di senso”; organizzare servizi utili sul territorio; fare rete con Associazioni, Enti e altre imprese. Inoltre, insegna le pratiche manageriali per la gestione e la formazione delle professionalità necessarie all’attività.

L’obiettivo del corso è quello di creare figure in grado di intercettare e soddisfare i numerosi slowtourist creando offerte uniche e sempre più slow.

Cosa aspetti?

Iscriviti al corso!

Corsi online

5 MOOC per lo studio dell’economia

19 novembre 2019

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu, Notizie dallo staff

Con l’avvento delle nuove tecnologie, le necessità delle aziende sono cambiate, così come le abitudini dei consumatori e i canali di marketing. Le imprese investono sempre di più su chi ha competenze chiave in management, organizzazione aziendale o comunicazione.

Questo mese Federica.EU dedica diversi corsi al potenziamento delle conoscenze in questo ambito.

Si può iniziare con Business English, per acquisire gli strumenti linguistici necessari per fronteggiare la vita lavorativa quotidiana. L’inglese resta, infatti, la lingua globale per la comunicazione, il commercio, la scienza, la tecnologia, il mondo aziendale, tanto che recenti statistiche del colosso Google stimano che l’80% dei dati presenti su Internet sia proprio in inglese.

Se vuoi imparare i metodi di valutazione della performance e i piani di fattibilità, puoi scegliere il corso di Economia e Gestione delle Imprese, ottenendo una panoramica sul mondo imprenditoriale a vari livelli e un quadro di riferimento di base sui processi di direzione e gestione d’impresa.

Se, invece, vuoi comprendere meglio il funzionamento delle organizzazioni pubbliche e private, con particolare riferimento al patrimonio culturale, il corso Imprese culturali ed innovazione sociale, ha proprio lo scopo di fornire agli studenti conoscenze utili per operare nelle imprese, negli enti e nelle associazioni legate al mondo artistico/culturale. 

Le nozioni teoriche apprese con il corso di Management e Marketing delle Imprese Turistiche, ti consentiranno di analizzare le politiche strategiche e di marketing delle imprese operanti nel settore turistico e comprendere le dinamiche competitive delle aziende che operano nel settore e le fonti del vantaggio competitivo sostenibile.

Infine, con il corso di Organizzazione aziendale, potrai comprendere l’insieme dei processi, dei materiali e delle persone che operano e gestiscono nell’ambito aziendale, coordinati per il raggiungimento di uno scopo comune.

Cosa aspetti? Consulta tutte le nuove proposte di Federica.EU!