Hot spot

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu
Notizie dallo staff

Presa rapida

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu
Notizie dallo staff

Presa rapida

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu
Notizie dallo staff

Mese: novembre 2018

Presa rapida

Obiettivo lavoro? 5 mosse per una missione (im)possibile

25 settembre 2018

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu, Notizie dallo staff

Cercare un lavoro è un vero e proprio… lavoro full-time! Che siate alla ricerca del vostro primo impiego o di un’opportunità migliore, preparatevi a dedicare molto tempo alle attività di ricerca, selezione, invio curriculum e colloqui.

Non è un gioco da ragazzi, ma ecco 5 metodi smart per avvicinarti al tuo futuro professionale!

1. Cercate su Internet
Sono lontani i tempi in cui si trovava un impiego rispondendo a un annuncio sul giornale. Oggi la ricerca avviene principalmente online: da un primo orientamento con Google a LinkedIn, per profilare al meglio le proprie candidature e connettersi alle persone e alle aziende più adatte ai propri interessi. Con le giuste parole chiave ci si potrà imbattere in centinaia annunci e posizioni aperte. Spesso però inviare solo un CV non basta: valutate l’idea di scrivere un lettera di presentazione in cui spiegate perché siete il candidato ideale e cosa vi distingue dagli altri.

2. Inviate una candidatura spontanea
L’azienda a cui siete interessati non ha pubblicato nessun annuncio e apparentemente non cerca personale? Nulla vi vieta di inviare una candidatura spontanea! Dimostrare di conoscere bene la realtà aziendale, la sua “vision” e i suoi progetti, mostrare interesse e proporsi viene sempre visto di buon occhio, anche se in quel preciso momento non ci sono posizioni aperte, le candidature spontanee sono spesso il miglior modo per i recruiter per trovare i talenti più motivati.

3. Fate networking
Cercate lavoro? Parlatene con i vostri amici. Ex colleghi e amici che lavorano nel settore a cui siete interessati saranno d’aiuto per consigli e non solo: se nella loro azienda sono in cerca di nuovi talenti, una referenza vi sarà molto utile. Non sottovalutate il potere del networking!

4. Contattate un’agenzia del lavoro
Moltissime aziende si affidano alle agenzie del lavoro per trovare le figure professionali più adatte: potrebbero essere l’anello di congiunzione tra voi e il vostro lavoro dei sogni! Inviate il vostro CV e andate a conoscere personalmente gli agenti spiegando le vostre esigenze e competenze: vi aiuteranno a trovare le offerte di lavoro in linea con il vostro profilo.

5. Siate il capo di voi stessi
Non avete mai pensato a una carriera da freelance? Chi non è alle prime armi può valutare di diventare il proprio datore di lavoro. I vantaggi dei liberi professionisti possono essere tanti: gestire da soli il proprio lavoro e i propri orari, lavorare con più clienti e con diverse realtà. Insomma, valutare di mettersi in proprio può essere una giusta soluzione.
Secondo voi qual è il modo più efficace per trovare lavoro?

Presa rapida

3 consigli per ricominciare a studiare: diventa il tuo self-coach

18 settembre 2018

Redazione Federica.euRedazione Federica.eu, Notizie dallo staff

Tornare sui libri dopo la pausa estiva è sempre dura… chi non vorrebbe rendere tutto più semplice?
Sempre più spesso sentiamo parlare del fenomeno “coaching”. Per gli appassionati di sport risulterà più immediato coglierne il significato: il verbo “to coach” sta per allenare, preparare. Oggi il termine racchiude uno straordinario potenziale: il miglioramento della vita privata e professionale delle persone. A chi non piacerebbe avere un “coach” personale che, ogni giorno, ci motiva e sprona a studiare? E perché non essere proprio i coach di noi stessi?
Ecco alcuni consigli per rimettersi sui libri con il
self-coaching:

1. “Si faccia una domanda e si dia una risposta”
Molti esperti di Life Coaching ritengono sia necessario concentrarsi innanzitutto sull’“area di minore soddisfazione”, l’aspetto della nostra attività, in questo caso lo studio, che meno ci rende appagati così da poterlo migliorare. Una volta trovate dentro noi stessi le aree da potenziare, bisogna capire quali risultati vogliamo ottenere. E qui arriva Marzullo: porsi delle domande è fondamentale per analizzare la situazione. “Cosa realmente desidero?” ’‘Come organizzerò il mio lavoro?” “L’ambiente in cui lavoro è ottimale?” “Aiuterebbe conciliare lo studio con lo sport?” “Meglio studiare soli o in gruppo?”.

2. Preparare un piano d’azione
Rispondere alle domande significa tracciare una mappa dentro cui muoversi. É importante però fissare degli obiettivi possibili: niente doppi salti mortali carpiati o rischiate di mandare all’aria tutto! Un supporto concreto per valutare i propri risultati è la lista di cose da fare mensilmente: fissare obiettivi a breve termine, depennare le cose già fatte e “celebrare” i piccoli traguardi raggiunti mantiene alta la motivazione.

3. Non solo studio
Riprendere gli studi dopo una lunga pausa e mettere i risultati accademici al primo posto non vuol dire però dedicarsi 24 ore ai libri e alla vita da biblioteca. Per rendere le ore di studio più efficaci anche le pause e le ore di svago sono importantissime: perché non dedicare un po’ di tempo a settimana allo sport? Vi aiuterà anche a ristabilire una routine sicuramente persa durante le vacanze estive. Molto utile è anche studiare in compagnia: oltre a rendere il tutto più divertente, è bene confrontarsi con i propri compagni di corso per consigli e appunti.

Quali sono i vostri metodi per ricominciare a studiare dopo le vacanze?
Consiglio extra: ripassate e approfondite le materie di studio con i nostri MOOC!